Piz Arlara logo
  • Immagine: le Dolomiti
  • Immagine: le Dolomiti
  • Immagine: le Dolomiti
  • Immagine: le Dolomiti
  • Immagine: le Dolomiti
  • Immagine: le Dolomiti
  • Immagine: le Dolomiti
  • Immagine: le Dolomiti
  • Immagine: le Dolomiti
  • Immagine: le Dolomiti
  • Immagine: le Dolomiti
  • Immagine: le Dolomiti
  • Immagine: le Dolomiti
  • Immagine: le Dolomiti
  • Immagine: le Dolomiti
  • Immagine: le Dolomiti
  • Immagine: le Dolomiti
  • Immagine: le Dolomiti

Le Dolomiti: uniche e poderose

Scenario di fascino irresistibile

La natura lascia il segno, specialmente in una regione come il Trentino-Alto Adige. Un territorio dai mille volti, tanti quanti sono i suoi paesaggi. In questa incantevole diversità, le Dolomiti hanno sempre avuto un ruolo particolare. Monumentali, impressionanti, misteriosi, i cosiddetti Monti Pallidiesercitano un’attrazione fatale su chi vi mette piede. Tanto che, nel 2009, l’UNESCO li ha riconosciuti come Patrimonio dell’Umanità.

Questi giganti montuosi hanno sempre dettato la vita dei popoli locali, fornendo rifugio e protezione, ma, obbligandoli, in cambio, a lavorare sodo per sopravvivere in condizioni estreme e quasi in completo isolamento. È così che tra le muraglie dolomitiche della Val Badia, Val Gardena, Val di Fassa, Arabba e Cortina d’Ampezzo si è formato il popolo dei ladini, con la propria lingua e cultura – entrambe rigorosamente preservate anche al giorno d’oggi. Ma, la forza isolante della montagna è stata così potente che, alla fine, ogni vallata ha una propria identità e vanta un proprio patrimonio di sapori e tradizioni. Scoprite quelli della Val Badia a tavola, nel Ristorante Alpino Piz Arlara a Corvara. Ad esaltare il gusto sarà la vista panoramica su centinaia di vette dolomitiche, che tanti proclamano le montagne più belle del mondo.